Dream Bag.. come usarla..

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

05/02/2019, 15:53

Sera a tutti.
Nella preparazione del mio primo spettacolo per bambini ho trovato un effetto che mi piace molto... la dream bag
per chi non sa cosa sia è quell'effetto nel quale si prende un busta di carta la si apre e la si mostra vuota.. e poi si inizia a produrre da essa foulard e "scatole di fiori".
Immagine
Ho visto su un dvd un mago che la usa con la musica tirando semplicemente fuori cose dalla busta... a me non piace per nulla questo approccio, e voglio tentare di coinvolgere i bambini in una storia accattivante..

Io ho una mia idea... ma prima di spiegarvela vorrei chiedervi se avete idee su come si possa presentare questo gioco.

di seguito la mia idea:
.
.
.
.
.
.

l'idea è quella di raccontare la storia di un paese che si chiama "Fiorello". nella storia ogni volta che sentono i bambini la parola "fiore" dovranno fare in coro "*ispira* ahhhh" (come se sentissero il profumo dei fiori).
L'idea della storia è semplice, questo paese era famoso per i suoi fiori che nascevano e venivano curati dagli abitanti ovunque... sulle strade, sulle facciate delle case, sulle finestre, sui portoni, sui blaconi... ovunque.. un bel giorno i fiori appassiscono e (qui i bambini devono cambiare e invece di un bell'odore sentono un odoraccio) e piano piano speriscono lasciando Fiorello senza fiori. Di lì passava un mago, il mago Tatok.. (chiamo un bimbo vicino e lo vesto da mago con un bel bastone di ferro) questo mago vede il paese senza fiori e ci rimane male perchè era venuto lì apposta. insomma gli abitanti si appellano al mago per far tornare i fiori.. il mago chiede una busta di carta vuota e con una magia e una parola magica che il mago bambino inventa e che tutti gli altri bambini dovranno ripetere per ben tre volte riuscirà a far apparire delle scatole piene di fiori.. spiego che questi fiori sparsi in giro guariranno il paese e piano piano "Fiorello" tornerà colorato come una volta.

Al che qui il dubbio di come finire.. l'idea è quella di spiegare che il mago prima di andarsene pianta il suo bastone al centro del paese ed esso si trasforma nella piantina di fiori più bella del paese. (bastone che si trasforma in fiori, un gimmick acquistato nei negozi di magia)

Stavo pensado di rendere più drammatica la storia usando un antagonista stregone che lancia una maledizione sul paese per far morire tutti i fiori.. ma penso che poi diventa troppo confusionaria la storia.


altre idee?
pareri sulla mia ideaa? critiche? consigli?
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Venice illusion
Messaggi: 210
Iscritto il: 07/01/2015, 21:01

06/02/2019, 23:12

Secondo me l'antagonista che manda una maledizione potrebbe giustificare il fatto che appassisca tutto. Però poi il focus del racconto deve essere Tatok e la sua incredibile magia di fare apparire i fiori. Prima di partire per tornare a casa decide di regalare alla città il suo bastone magico che si trasforma immediatamente in fiori cancellando per sempre la maledizione e facendo tornare la città al vecchio splendore. Bella storia, bravo!

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

06/02/2019, 23:57

Grazie
la speranza è che ora io riesca a renderla interessante per bambini di 5 anni....
qui entra in gioco la mia capacità, scarsa, di scrivere testi... speriamo!
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4059
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

12/05/2019, 9:42

Occhio al timinig, la storia è lunga ed articolata, dipende dall'età dei bambini.
Se i bambini sono troppo piccoli la presentazione non regge, non la seguono e ti conviene piuttosto interagire con loro, tra loro inventandoti per esempio una bacchetta fiorellino con cui tocchi le buste e magicamente appaiono fiori.
La storia non è affatto male per i bambini più grandi, fino ai 7 anni, ma quello di far vestire un bambino da mago non mi sembra una buona idea perchè se non hai una buona gestione si alzeranno tutti e ti chiederanno "Anch'io anch'io" ( ci sono passato con L'instant magician ;) ) .
Idea molto buona, ma a parer mio devi snellire, se diventi prolisso perdono il filo, e ci vuole davvero poco.
Fai subito una produzione per catturare la loro attenzione facendogli capire che ne vedranno delle belle.
Non mi piacciono quel genere di effetti, ma sono sempre stato convinto che una semplice bottiglietta d'acqua, usata in maniera corretta e con una presentazione perfetta possa fare la differenza.
Tieni in considerazione una cosa, la magia per bambini non ha fatto grandi passi da gigante, quindi sei tu che devi provare a svecchiarla.
I bambini di oggi hanno a che fare con la tecnologia, hanno tra le mani oggetti complessi che sanno adoperare perfettamente e con grande semplicità, quindi la loro aspettativa è già alta.
Devi essere bravo tu a presentare un oggetto apparentemente semplice e renderlo desiderabile perchè riesce a fare cose straordinarie, è magico!
Buona fortuna, la tua passione è tanta e da quel che leggo hai lo spirito e la voglia di fare cose belle, ma soprattutto di donare un'emozione.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

27/05/2019, 15:47

GabriGrimm ha scritto:
12/05/2019, 9:42
Occhio al timinig, la storia è lunga ed articolata, dipende dall'età dei bambini.
(CUT)
Grazie! Io amo la magia e cerco di mostrarlo in ciò che faccio anche se purtroppo l'esperienza manca.. e anche tanto.
Purtroppo questo commento mi è arrivato troppo tardi e posso dirti, a mio discapito, che hai pienamente ragione.. :cry:
Appena ho iniziato a dire "vi racconto una storia..." ho visto subito un enorme calo di attenzione.
Ormai c'ero, non ero in grado di improvvisare altro allora ho velocizzato tutta la presentazione arrivando il prima possibile al momento della produzione...
I bambini effettivamente erano troppo piccoli (4, 5 e 6 anni) e non mi seguivano molto. per fortuna avevo la trombetta per svegliarli se si distraevano e ha funzionato perché con la risata li ho ricatturati. La presentazione della busta vuota è andata abbastanza bene... perchè per mostrarla che era vuota la infilavo sulla testa dei bambini fino a far sparire la testa.. tutti mi hanno chiesto se gli infilavo la busta... l'ho fatto a 4 o 5 bambini si sono divertiti e poi ho continuato... quello non era male.

dunque cosa non è andato.
- non sono disposti, e non sono in grado in gruppo, di ascoltare una storia articolata
- presi da altri pensieri non ti fanno il coretto che io speravo, quindi non hanno partecipato attivamente al racconto e il fatto che abbiano capito poco cosa dovevano fare ha contribuito alla loro distrazione. Secondo mia moglie sono stato troppo veloce nello spiegare cosa dovevano fare.. forse ha ragione ma come hai detto il primo effetto è arrivato troppo tardi e non riuscivo a tenerli senza magia.
- ho sbagliato a scegliere il bambino da vestire.. non parlava non si muoveva.. gli ho detto di dire una parola magica che poi tutti dovevano ripetere.. niente parlava a bassa voce e nessuno lo sentiva.. un disastro. comunque la scelta è andata bene complice la corda di delimitazione che avevo messo per separarmi da loro o il fatto che non avevano ben capito la storia.. :roll:
- nelle istruzioni della dreambag consigliano dei foulard in mezzo alle scatole così il momento dell'apetura della scatola viene giustificato dal fazzoletto che viene prodotto.. io non li ho messi perchè con la storia non c'entravano. risultato: alcuni bambini più grandi hanno quasi capito il tru**o. i genitori penso lo abbiano perfettamente capito... anche perchè all'apertura la scatola fa rumore.
- per la conclusione avevo previsto che il bastone si doveva trasformare in un bel "ramo" di fiori.. ma giusto per non farmi mancare nulla mi è caduto e tutti hanno visto come si è aperto... lo ripeti 50 volte a casa e funziona tutto alla grande, una volta che devi farlo bene ecco che il rinculo del bastone che si richiude per liberare i fiori me lo fa scivolare dalle mani e cade a terra. :roll:

devo cambiare radicalmente la presentazione se voglio usare la dreambag. alla fine il gioco è anche riuscito alla fine ci sono arrivato. ma mi aspettavo uno svolgimento totalmente diverso. ma non voglio rassegnarmi alla musica. Cmq confermo: da non fare ai bambini sotto i 7 o 8 anni.

giudizio finale di mia moglie: "quel gioco potevi pure lasciarlo perdere" :oops:

cmq alla fine lo spettacolo è andato bene. i bambini si sono divertiti i genitori mi hanno fatto i complimenti e una mamma mi ha detto che è rimasta stupita nel come sono riuscito a catturare l''attenzione di 20 bambini per una 30ina di minuti.
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4059
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

27/05/2019, 16:22

Lascia perdere le mogli, bene l'autocritica ma bada bene che era la prima, gli imprevisti capitano anche a chi performa da anni ed anni...
Il fatto di mettere la busta in testa a più bambini , purtroppo è un errore, per due motivi: sei tu che dirigi, non loro, l'euforia si esaurisce nel momento in cui non esegui più i loro comandi.
Il bambino che scegli va motivato, devi renderlo consapevole della sua importanza, deve sentirsi indispensabile, ma devi importi con decisione, sei tu che dirigi.
I tuoi errori sono dovuti esclusivamente dalla tua passione, a volte il troppo stroppia e rischi di apparire non naturale, meno particolari e più interazione, magari una battuta.
Non lasciarti incantare da effetti di magia che promettono cose strabilianti, perchè posso garantirti che con una semplice bottiglietta d'acqua poi fare magia divertente e coinvolgente, inoltre è funzionale anche per te e per la salivazione.
Scrivi sempre i tasti dei tuoi effetti, e poi limali, limali, limali fin quando non li reputi quasi perfetti (vedrai che ogni volta tornerai a scrivere migliorandoli)
Il bastone...capitato a tutti: un buon metodo è quello di portarlo in alto ad altezza viso, scendere piano piano per poi allargare le braccia fino ad arrivare ai fianchi (se hai dei fazzoletti li fai ruotare in modo che coprano le due estremità e li riponi)
Anche io all'inizio usavo la ghirlanda di fiori, ma non capisco il motivo per cui l'abbiano inventata dato che costantemente si inceppa.
Il bastone a sparizione va fatto da debita distanza e su palco, se vuoi farlo da vicino devi usare i foulard.
Continua su questa strada e vedrai che ti divertirai come un matto, ne sono stra sicuro!
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

27/05/2019, 18:00

Grazie per i preziosi consigli!
Ne ho di strada da fare. ho fatto solo due spettacoli finora e già inizio ad avere leggermente più chiara la direzione da prendere... ho creato più stupore con due palline di spugna che con attrezzi tanto complessi.
il problema è che facendo questo per passione non ho grandi possibilità di esibirmi spesso. staremo a vedere. sicuramente mi diverto quando sono lì in mezzo a loro
parole di mia suocera: "non ti riconoscevo.. non eri più tu quando facevi quelle cose" :D :D
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

27/05/2019, 18:05

GabriGrimm ha scritto:
27/05/2019, 16:22

Non lasciarti incantare da effetti di magia che promettono cose strabilianti, perchè posso garantirti che con una semplice bottiglietta d'acqua poi fare magia divertente e coinvolgente, inoltre è funzionale anche per te e per la salivazione.
sta cosa della bottiglietta me la devi spiegare... o magari mi dai qualche riferimento :P :D :D
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4059
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

28/05/2019, 8:59

Avevo problemi di salivazione, all'inizio l'emozione è tanta e rischi di andare in panico, è capitato di scordarmi qualche passaggio e si interrompeva l'armonia, la continuità...era brutto aprire una bottiglietta d'acqua che stonava col mio costume, così mi sono inventato la pozione magica.
Ho preso una bottiglietta di vetro simile ad un'ampolla per pozioni e l'ho rivestita di cuoio , cucita con filo spesso, ogni volta che mi vedevano bere mi chiedevano cosa fosse: "la pozione della forza".
I maghi hanno la forza dei bambini , ne prendo uno a caso e provo a sollevarlo ma faccio uno sforzo pazzesco, come se pesasse 200 tonnellate, provo con un altro e accade la stessa identica cosa...sono stremato e mi siedo per terra.
A quel punto spiego che bevendo la pozione acquisto una forza sovrumana: bevo e riprovo a sollevare i bambini, questa volta li tiro su con una facilità inaudita :lol: , poi c'è sempre qualcuno che ti dirà: E' acqua!
Allora prendi un bicchiere e ne versi il contenuto, vedranno acqua verde (acqua e menta).
Riesci così ad ottenere contatto e di conseguenza fiducia con il piccolo pubblico, si divertono e ti seguono.
Aggiungere la menta è venuto successivamente proprio perchè dubitavano che fosse davvero una pozione.
Vedrai che man mano che performi sarai tu stesso ad applicare dei miglioramenti al tuo spettacolo fino a renderlo quasi perfetto, e dico quasi perchè in magia la perfezione non si raggiunge mai, significherebbe finire di avere stimoli.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
foxluke
Messaggi: 32
Iscritto il: 10/11/2018, 9:44
Località: Perugia

28/05/2019, 9:38

:lol: :lol: Divertente!
Grazie!
- La vera magia è la vita -
Venite a trovarmi su instagram: @luke.magic

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite