TE LO LEGGO NELLA MENTE di Mariano Tomatis

Quali sono i testi che volete consigliare e perché? Volete info per sapere se acquistare o meno?
Rispondi
Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

16/04/2015, 10:40

"Te lo leggo nella mente" è un testo sicuramente interessante, difficile da recensire perchè è importante non andare troppo a fondo onde evitare incomprensioni.
Parla della storia del mentalismo, dall'antichità ai giorni nostri, in un modo molto rilassante e curioso, si legge davvero bene.
E' interessantissimo per capire l'evoluzione di questa materia o disciplina magica che dir si voglia, ma non solo, ci sono consigli utili e approfonditi che spiegano le realtà e le apparenze, si crede di fare del mentalismo quando in realtà si fa tutt'altro.
E' importante dire che per molti potrebbe essere una doccia fredda, in quel caso state tranquilli, significa che non siete interessati a quest'arte, per altri invece potrebbe essere un bel punto di partenza per capire QUALE tipo di percorso e stile applicare su se stessi.
Un ragazzino non può proporre effetti in cui parla con i defunti...partiamo da questo presupposto.
Per fare del mentalismo bisogna essere credibili, ma questo deve partire non nel momento in cui si esegue un effetto, ma molto prima, come? lavorando su noi stessi e soprattutto per noi stessi.
Tomatis cita Annemann, Roll, Odaba, Alexander, Maven, Brown...e molti altri ancora, compresi Busani e Tesei, ci racconta di esperienze facendoci ragionare, senza spingersi troppo oltre, molto accorto e sincero nel suo modo di scrivere.
Vengono narrati aneddoti interessanti e divertenti, pagina dopo pagina si inizia a comprendere come sia nata l'idea , poi sviluppata ed evoluta, c'è davvero tanto da leggere ed imparare, ma soprattutto pensare.
Il libro è piacevole, questa materia è talmente vasta che se ne potrebbe parlare per una vita intera e non arrivare mai ad una conclusione, il motivo è semplice, sono arrivato alla conclusione che non esiste manuale per diventare mentalista, ma è la tua stessa vita che ti dice come esserlo, poi per carità, ci sono effetti da imparare, tecniche, ma ognuno di noi ne diventa interprete.
Tomatis consiglia di partire dalle carte, come inizio va benissimo, il bello è poi riuscire a sostituirle con qualsiasi cosa, anche con persone in una stanza, il tutto però deve essere credibile.
Non voglio dilungarmi troppo anche perchè non devo convincere nessuno, però sul forum ci sono stati tanti dibattiti in questione, per molti resteranno frasi buttate li, per altri saranno motivo di ricerca e stimolo, a me sta piacendo, ho iniziato con Prisma di Max Maven, ma non mi aveva convinto, ho continuato con Annemann, poi ho è arrivato il momento di fare mente locale.
Ci vuole molta esperienza.
Come mai esistono bambini prodigio nel campo musicale e nessuno come scrittore?
Un conto è riprodurre tecnicamente qualcosa, con ore ed ore di esercizio, un conto è creare, e ciò si può fare solo con le esperienze che "accadono" nella nostra vita di tutti i giorni: un buon libro, un film, una visita al museo, il primo bacio, la morte di qualcuno a noi caro, tutto quello che ci fa crescere, nel bene o nel male.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

16/04/2015, 10:56

Ottima recensione! Come al solito.
Anche se c'è una cosa che continuo a non capire: perchè un mentalista dev'essere credibile e un prestigiatore no? Le premesse sono le stesse: fingere di poter fare delle cose in un certo modo facendole in un altro...
Quid est veritas?

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

16/04/2015, 11:16

Perchè il prestigiatore ha un mazzo di carte in mano, le persone associano l'oggetto come qualcosa di concretamente modificabile, sanno per sentito dire che esistono tecniche per..., nel mentalismo c'è ancora gente che crede che si possa leggere nel pensiero, quando invece non è così, c'è una lettura, ma non del pensiero... ;) ,anche la parola stessa: MENTALISMO, riposta alla mente, come fai a "truccare" la mente? poi come scritto su devi costruire e costruirti, rendendoti credibile e pulito come una colomba, la gente deve pensare: è vero, lui è proprio così, ha fatto questi studi!
Uri Geller per solidificare la sua credibilità spessissimo, invitato in alcune trasmissioni affermava: No, oggi non ci riesco, non riesco a raggiungere la concentrazione", si è "negato" però nello stesso tempo la gente ha assistito ad un prodigio inverso.
E' un pò come l'aspirapolvere inventato dalla NASA...non è proprio così, un'ingegnere che aveva lavorato alla Nasa aveva partecipato alla costruzione dell'aspirapolvere, però la gente è convinta che sia un prodotto della NASA!...tutto sta a come ti presenti.
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

16/04/2015, 11:19

Ma scusa, la gente crede che il mentalista sappia leggere nel pensiero? Il mentalista è il primo a dire che non legge realmente nel pensiero. È illusionismo e la gente lo sa. Sennò che differenza c'è fra Derren Brown e il mago DoNascimento di Wanna Marchi?
Quid est veritas?

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

16/04/2015, 11:47

Secondo me la differenza è nell'inteligenza delle persone a cui si rivolgono, ma soprattutto come si rivolgono, quello che offrono.
Differenza tra Maven e Brown? L'ultimo è l'evoluzione del primo, un pò come Mick Dooham e Valentino Rossi con la Honda, e soprattuto ha continuato a vincere perchè anche il 46 è un fuoriclasse. ;)
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Avatar utente
=ET=
Messaggi: 1779
Iscritto il: 04/10/2013, 22:12
Località: RE

16/04/2015, 18:29

Matt82 ha scritto: È illusionismo e la gente lo sa. Sennò che differenza c'è fra Derren Brown e il mago DoNascimento di Wanna Marchi?
L'etica... ;)
=ET=

"L'importante è crederci" (Mia Moglie)

.

Avatar utente
Matt82
Messaggi: 2471
Iscritto il: 07/10/2013, 17:42
Località: Bergamo

16/04/2015, 20:19

=ET= ha scritto:
Matt82 ha scritto: È illusionismo e la gente lo sa. Sennò che differenza c'è fra Derren Brown e il mago DoNascimento di Wanna Marchi?
L'etica... ;)
Appunto, l'onestà di dire le cose come stanno.
Quid est veritas?

axl80
Messaggi: 323
Iscritto il: 25/09/2013, 17:34

17/04/2015, 8:57

Matt82 ha scritto:
=ET= ha scritto:
Matt82 ha scritto: È illusionismo e la gente lo sa. Sennò che differenza c'è fra Derren Brown e il mago DoNascimento di Wanna Marchi?
L'etica... ;)
Appunto, l'onestà di dire le cose come stanno.
Eppure lasciatemi fare una piccola riflessione personale, secondo me se si prende in considerazione un personaggio abbastanza credibile il fatto che dica di nn avere dei poteri particolari fa pensare il contrario e cioè che abbia davvero qualche dote particolare ma che la voglia nascondere.
Almeno a me fa questo effetto.
Ciaooo :D
Nothing is gained from winning a game but that we can learn a lot from losing one.

axl80
Messaggi: 323
Iscritto il: 25/09/2013, 17:34

17/04/2015, 9:00

Ah dimenticavo, Gabri bella recensione, sicuramente il mese prossimo mi tocca acquistarlo :D .
È già il secondo ordine che farò per colpa tua ;)
Nothing is gained from winning a game but that we can learn a lot from losing one.

Avatar utente
GabriGrimm
Team Leader
Messaggi: 4050
Iscritto il: 15/10/2013, 7:59

17/04/2015, 10:21

Grazie!, appena avrai finito di leggerlo ti si accenderanno una miriade di lampadine, ne parleremo sicuramente in PM ;)
Qual è la cosa che ti piace di più nella tua città?
...i salti alti...

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti