Metodi di memorizzazione Mnemonica Stack

monicad
Messaggi: 5
Iscritto il: 12/01/2019, 11:12

12/01/2019, 11:16

Buongiorno a tutti. Il libro di Tamariz di cui parlate qual'e' di quelli che ha scritto?

Avatar utente
Randalf
Messaggi: 335
Iscritto il: 20/04/2018, 17:28
Località: Veneto

14/01/2019, 17:48

monicad ha scritto:
12/01/2019, 11:16
Buongiorno a tutti. Il libro di Tamariz di cui parlate qual'e' di quelli che ha scritto?
Questo Monica:
"Sinfonia in mnemonica maggiore"
Traduttore: F. M. Mugnai E IL GRANDE MITICO SUPERPROFESSIONALE :arrow: S. Venturi
Editore: Florence Art Edizioni
Collana: Edizioni per lo spettacolo
Anno edizione: 2008
Pagine: 416 p., ill. , Brossura

monicad
Messaggi: 5
Iscritto il: 12/01/2019, 11:12

16/01/2019, 22:45

Grazie :)

Faussone
Messaggi: 57
Iscritto il: 26/09/2017, 12:56

20/01/2019, 18:08

Secondo me il tempo da spendere per memorizzare lo stack non è importante perché è molto più importante saper far buon uso dello stack e per quello sì ci vuole tempo, quindi io consiglierei di memorizzare con calma, anche una carta a settimana 8-) studiando nel frattempo tutto il resto dell'arte cartomagica e magica (falsi miscugli, falsi tagli, stime e non solo).

Comunque a proposito di memorizzazione io ormai l'ho così interiorizzato che se devo ricordarmi per qualche motivo una o, a maggior ragione, più carte, uso i numeri dello stack, ricordarmi numeri mi viene più facile infatti (si vede che ho il cervello da ingegnere e non da artista :| :lol: )!!

Venice illusion
Messaggi: 210
Iscritto il: 07/01/2015, 21:01

21/01/2019, 9:56

Io personalmente ho sperimentato di tutto per impararlo.. Il metodo uditivo, ma mi rimanevano le prime venti, così sono passato al metodo grafico ma a 15 carte dalla fine mi sono stancato e non sapevo più cosa disegnare. Così ho tagliato la testa al toro e le ho imparate normalmente senza metodi :D io ci ho messo un'estate intera volutamente (da inizio giugno a settembre). Ho voluto imparare prima la mezza mnemonica, allenare quella per un mesetto e mezzo, poi l'altra metà. Così ora posso dividere le due metà con la GAS velocemente e so riconoscere all'istante se una carta è della prima o della seconda metà. Un po' come rosse e nere (ringrazio Sirio per il consiglio). Secondo me non c'è un metodo più valido di un altro, ognuno trova il suo. Quelli che consiglia Tamariz sono i classici e per tanti funzionano bene, io sia con il metodo grafico che con l'udito non mi sono trovato benissimo e ho trovato più semplice mandarle a memoria normalmente... È soggettivo :)

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti